Gli italiani e la tecnologia durante l'emergenza sanitaria

Con lo studio “Keeping consumer connected in a Covid-19 context”(*), il ConsumerLab di Ericsson ha indagato gli impatti della diffusione del coronavirus sulla connettività e sull’uso delle tecnologie da parte degli utenti in 11 paesi del mondo, tra cui l’Italia.

News
giu 17, 2020

Scarica il report


Nel nuovo studio condotto dal ConsumerLab di Ericsson, emerge che la pandemia ha generato forti conseguenze e cambiamenti sulla vita quotidiana dei consumatori: in Italia, l’85% degli intervistati afferma che il proprio stile di vita è stato fortemente colpito dalla crisi.

Alessandra Rosa Ammaturo, Direttore Marketing di Ericsson Italia e Sud Est Mediterraneo, commenta: “Durante l’emergenza sanitaria abbiamo rilevato un cambiamento significativo nel comportamento digitale degli italiani. Ci sono tutte le premesse perché questo trend non si arresti nel mondo post Covid-19, se consideriamo che ben 6 persone su 10 ritengono che lavorare da remoto sarà la nuova normalità, mentre 4 studenti su 10 intendono continuare a formarsi tramite lezioni e corsi online.”

Il supporto offerto dalla tecnologia

In questo contesto, è stata la tecnologia a svolgere un ruolo importante a supporto dei cittadini italiani. L'86% degli over 60 afferma infatti che la tecnologia è servita per rimanere in contatto con la famiglia e gli amici, mentre l’82% di genitori con figli in home schooling, ha apprezzato il supporto offerto dalla tecnologia per le lezioni a distanza (negli altri paesi la percentuale è del 76%). Più in generale, 6 intervistati italiani su 10 ritengono che la tecnologia abbia permesso di lavorare durante la pandemia. Più di un italiano su 3 si è infine avvalso della tecnologia per tenersi in forma dentro casa.

Infograph #1


Durante l’emergenza sanitaria, gli utenti intervistati hanno percepito le aziende che operano nel settore delle telecomunicazioni come entità affidabili per la gestione dei dati personali; 6 su 10, invece temono che i governi possano continuare a raccogliere dati personali anche dopo la fine della pandemia.

Il 93% degli utenti in Italia (87% negli altri paesi) ha aumentato significativamente il numero di attività svolte online durante l'emergenza sanitaria. Il 23% ha sperimentato nuove attività online, come e-learning o videoconferenze.

Nel nostro Paese, le categorie di app il cui utilizzo è maggiormente cresciuto durante la crisi sono quelle per il lavoro da remoto, la formazione da remoto e per il wellness. Ad aprile il tempo speso sulle app di videoconferenza come Zoom e Microsoft Teams è aumentato del 9348% rispetto alla media del quarto trimestre 2019, mentre i download sono aumentati del 6288%.
6 intervistati su 10 continueranno a usare servizi per le videoconferenze anche dopo la pandemia, 4 studenti su 10 proseguiranno con i corsi online, 4 utenti su 10 le visite mediche online diventeranno più popolari.

Infograph #2


In Italia, l’85% degli utenti ha utilizzato Internet in modo maggiore rispetto al periodo pre crisi; in particolare, la fruizione di Internet tramite connessione fissa è aumentata di 3 ore al giorno (2,5 ore al giorno negli altri paesi), mentre la connessione da mobile ha avuto incrementi di 1 ora al giorno, come avvenuto anche negli altri paesi. Il 31% degli Italiani dichiara inoltre di aver incrementato il proprio traffico dati da mobile (il 25% negli altri paesi), con il 15% della popolazione italiana che afferma di aver avuto a disposizione principalmente connessioni mobili per navigare online.

Infograph #3


Il ruolo delle reti

Secondo gli intervistati, le reti nel complesso hanno affrontato bene la maggiore richiesta di connettività durante la pandemia. Il 54% si dichiara molto soddisfatto della propria connessione fissa. Il 76% ritiene che le reti mobili stiano funzionando allo stesso modo o meglio rispetto a prima della crisi, mentre il 60% (55% negli altri paesi) considera importante la connessione a banda larga mobile tanto quanto la connessione fissa e il Wi-Fi.

Per i consumatori, durante il lockdown è stato importante poter effettuare videochiamate di buona qualità con amici e parenti; per la Generazione X (40-54 anni) e per i Millennials (25-39 anni) anche la qualità del video streaming era un fattore di rilievo; infine, la possibilità di accedere a documenti di lavoro in cloud è stata particolarmente apprezzata dai lavoratori.

Le preoccupazioni generate dalla pandemia

L’arrivo del coronavirus ha fatto proliferare diversi timori che hanno impattato sulla popolazione in modo diverso, a seconda dell’appartenenza generazionale. I Baby Boomers (dai 55 anni in su) rappresentano la fascia più preoccupata dalla possibilità di ammalarsi di COVID-19, mentre la Generazione Z (15-24 anni) teme l’insorgere di problemi sociali e la diffusione di fake news. La Generazione Z e i Millennials (25-39 anni) sono anche tra i più turbati dalla possibilità di avere problemi finanziari in famiglia; malgrado questo, non hanno intenzione di ridurre le proprie spese in tecnologia.

Infatti, malgrado il 57% dei consumatori in Italia e nel mondo stia pianificando di ridurre le proprie spese in alcuni settori per far fronte alla crisi attuale e futura, la tecnologia non sembra rientrare tra questi: il 25% prevede di investire sulla connettività (a banda larga o 5G) dopo la crisi. Questa percentuale è più alta però negli altri paesi, dove in media arriva al 32%. In Italia il 15% degli intervistati intende passare al 5G dopo la crisi, mentre il 16% intende sottoscrivere un miglior piano per la connettività di casa.

Le teorie anti 5G

Nonostante il dilagare di diverse teorie cospiratorie, il 53% degli Italiani ritiene che il 5G avrebbe potuto svolgere un ruolo positivo durante la crisi. Questo dato sale al 63% negli altri paesi. Il 35% dei nostri connazionali vorrebbe che la copertura 5G venisse implementata molto più velocemente per beneficiare di velocità maggiori rispetto alla rete fissa. All’estero la percentuale sale al 42%.
Si ritiene poi che il 5G avrebbe potuto offrire maggiore capacità rispetto al 4G (48% degli Italiani), avrebbe potuto supportare i meeting virtuali in modo migliore (43%), abilitare il controllo da remoto dei dispositivi medici in tutto il paese (40%) e ridurre l’esposizione al contagio di medici e infermieri tramite l’utilizzo di robot connessi in 5G durante le visite (39%).

Infograph #4


Uno sguardo al futuro

I consumatori hanno delineato 5 cambiamenti che si manifesteranno nel mondo post COVID-19 e che contribuiranno ad accelerare la diffusione di tecnologie quali il 5G, AI e automazione, Edge Cloud:

  1. Secondo il 74% degli intervistati in Italia (75% negli altri paesi) la resilienza delle reti è una caratteristica importante, in quanto essere connessi a Internet è fondamentale durante le crisi.
  2. Il 47% degli Italiani (55% negli altri paesi) ritiene che la consegna di beni automatizzata effettuata tramite droni o flotte di auto senza conducente potrebbe sostituire i corrieri, in uno scenario in cui si richiede un minor numero di interazioni e contatti fisici.
  3. Il 58% dei lavoratori in Italia (il 62% negli altri paesi) crede che lavorare da remoto sarà la nuova normalità e che i lavoratori dovrebbero incoraggiare questa pratica.
  4. Il 42% dei nostri connazionali (57% negli altri paesi) pensa che le consultazioni sanitarie online diventeranno più popolari.
  5. Il 61% degli utenti di Realtà Virtuale in Italia (71% negli altri paesi) reputa che lo status verrà sempre più definito da simboli virtuali anziché dal possesso fisico di un bene. Il 43% dei consumatori italiani (50% negli altri paesi) durante l’isolamento si rivolgerà a compagni virtuali abilitati dall’AI per intrattenimento, formazione e amicizia.

Scarica il report (link to .pdf to be downloadable)

(*) Nota metodologica

L’analisi è stata svolta in 11 paesi (Brasile, Cina, Corea del Sud, Francia, Germania, India, Italia, Spagna, Svezia, UK, USA) ad aprile 2020, coinvolgendo 11.500 intervistati, rappresentativi di 700 milioni di utenti.

Gli intervistati italiani costituiscono un campione arappresentativo di 33 milioni di connazionali.

Il target group era composto da utent smartphone e utilizzatori di Internet, di età compresa tra i 15 e i 69 anni.